|

Al lago di Ledro – mountain bike

Raggiungere il lago di Ledro è uno dei percorsi classici da fare in mountain bike quando ci si trova in vacanza nel Garda Trentino. La bellezza di partire dal lago di Garda, il più grande d’Italia e raggiungere la bellissima valle di Ledro con il suo omonimo lago.

Itinerario:

Nella bella città di Riva del Garda ci sono alcuni parcheggi gratis dove lasciare la macchina e iniziare la pedalata. Dal centro cittadino si seguono le indicazioni per Limone sul Garda. Si pedala sulla strada principale e prima della galleria si gira a destra. Si sale e quindi a sinistra inizia la “ponale”.

La “ponale” è un percorso a dir poco spettacolare, ripercorre la strada che fino agli anni 90 veniva utilizzata per raggiungere la valle di Ledro. Con la costruzione del tunnel dell’Agnese la “ponale” è stata resa pedonale e ciclabile. La strada è priva di difficoltà con pendenza pressoché costante. Il fondo è sterrato ben compattato e nelle gallerie si trova ancora l’asfalto. A metà percorso sulla destra vicino ad una costruzione si trova l’unica fontana della “ponale”.

 

Termina il tratto spettacolare dove mi fermo sempre a fare delle belle foto sul lago e sono al bar Ponale Alto Belvedere. Un caffè al volo e risalgo in bici e svolto a destra. La strada sale con curve quindi costeggio il torrente Ponale che dal lago di Ledro scende lungo una valletta per poi immettersi nel lago di Garda con una bella cascata.

Dopo l’unica galleria che trovo in questo tratto dopo il bar m’immetto con attenzione sulla strada principale. Continuo per circa 500 metri quindi giro a sinistra direzione Pregasina e quindi giro subito a destra. Inizia quì il tratto ciclabile. Il fondo è sterrato e si sale tra boschi e prati. Un breve tratto pianeggiante quindi la strada sale costante fino ad un tratto cementato in forte pendenza. In cima giro a destra e sono a Pre di Ledro. Trovo svariate fontane ed è l’ora di fermarmi per riempire la borraccia.

Da notare che la particolarità di Pre di Ledro è che da Novembre all’inizio di Febbraio il paese è privato della luce del sole questo perchè essendo in fondo alla valle il sole non riesce ad emergere dalle montagne circostanti. Pedalo sulla strada principale e seguo i cartelli per il lago di Ledro, strada aperta anche al traffico veicolare. Mi tengo a destra e proseguo la mia pedalata fino ad un punto dove tengo a sinistra. Sono in un tratto con forte pendenza, cambio rapporto e proseguo. Finalmente lo sterrato dove con alcuni tornanti e un tratto rettilineo arrivo nella zona sportiva di Molina di Ledro.

I cartelli sono ben posizionati e in pochi minuti mi ritrovo lungo il lago di Ledro. Alla mia destra il Museo delle Palafitte che merita di essere visitato. Mi fermo ad ammirare il lago e scatto alcune foto. Il percorso di ritorno a Riva del Garda si svolge lungo il percorso fatto all’andata.

Mappa e traccia GPS:

Last modified: Agosto 17, 2019