|

Cena tipica a Livigno al ristorante Carpe Diem

Siamo a Livigno, come già detto nel precedente articolo. Soggiorniamo al b&b Carpe Diem e nelle immediate vicinanze a circa 10 metri della struttura si trova il ristorante trattoria Carpe Diem che appartiene alla stessa famiglia. Dopo aver visionato il menù decidiamo di fermarci per cena. Prenotiamo un tavolo per due per le 19.30. Puntuali ci presentiamo e la titolare, persona molto gentile e simpatica conosciuta quando abbiamo fatto il check in ci accompagna al tavolo e ci porta la lista. Il tavolo è apparecchiato semplicemente e già questo mi da aria di casa, che bello. Scorriamo il menù e andiamo alla pagina delle specialità, ma non conoscendole chiediamo alla signora che minuziosamente ci descrive ogni singolo piatto. Come prima cosa ordiniamo un tagliere di formaggi, io adoro il formaggio!!! Ci viene spiegato che dei 5 formaggi che si trovano nel tagliere due sono fatti dal papà della proprietaria mentre i restanti sono della latteria di Livigno e vengono accompagnati con marmellata di cipolle rosse, squisita a dir poco, marmellata di mirtilli la classica buona marmellata per i miei gusti e del miele di tarassaco. Un piatto ben curato, formaggi ottimi e una scoperta la marmellata di cipolle rosse che proveremo a fare a casa.

Io ordino croccantini di mais Carpe Diem mentre Sara gli Sciatt Carpe Diem.

Croccantini di mais Carpe Diem: piccoli cubetti di polenta di mais fritta servita in una bellissima ciotola di ferro il tutto servito con tre salse: gorgonzola, selvaggina e funghi. Porzione abbondante e sapore molto delicato.

Gli Sciatt Carpe Diem: un pezzo di formaggio locale avvolto in una pastella di grano saraceno fritto in olio. Servito su un letto di buona bresaola. Ispiroso molto delicato e la bresaola davvero ottima. Abbiamo scoperto che qui usano molto il grano saraceno perché è l’unico che viene coltivato in montagna.

Last modified: Marzo 14, 2019