|

La “nuova” Ponale 2018

La “ponale” un must per il Garda Trentino e per la Valle di Ledro. Un percorso che bisogna fare quando si decide di soggiornare in zona. Nel 2017 la provincia di Trento ha deciso di “sistemare la ponale” e difatti per alcuni mesi è stata chiusa.

Sabato 24 Marzo la “ponale” è stata riaperta al pubblico, rimarrà aperta con dei piccoli cantieri fino a novembre 2018 quindi da Marzo 2019 sarà riaperta definitivamente a conclusione dei lavori.

Ho percorso la “nuova Ponale” già alcune volte dall’apertura e se il primo giorno ero non convinto del lavoro fatto poi facendola altre volte ho fatto alcuni semplici ragionamenti. Hanno tolto completamente quello che poteva essere il bello della strada i dossi e li fondo sconnesso ma direi che ora è fruibile a tantissime persone. Vi porto alla scoperta passo per passo.

Alla partenza del sentiero trovo sul lato destro una scultura di ferro con serigrafato il nome della ponale. Proseguo e noto un cartello che il percorso è diventato un sentiero alpinistico classificato come una ferrata. Attraverso la prima galleria e quindi mi trovo il fondo stradale ben battuto e non ci sono dossi. Proseguo e mi trovo prima a sinistra quindi a destra a volta rialzato a volta a raso una sezione di strada riservata solo ai pedoni anche se in questi giorni sulla “ponale” i pedoni stanno nella parte riservata alle bici, come sempre. Bisogna condividere un tracciato bisogna rispettare le segnaletica. Con calma arrivo alla fine della ponale davanti al bar mi prendo un caffè e rifletto su questa prima apertura. Ero molto critico la prima volta che sono salito sulla ponale, critico perché abito in zona e questo percorso l’ho fatto miliardi di volte in qualsiasi condizioni, dal caldo estivo all’inverno con la neve. Ora invece a freddo riesco a capire il lavoro fatto per rendere il percorso fruibile a tutti. La strada è priva di difficoltà completamente spianata e per ora con fondo ben compatto. In bici si sale proprio bene io ci sono salito anche in bici da corsa senza difficoltà. La salita si affronta senza problemi il fondo è ben compatto e liscio tranne in alcune gallerie. Le galleria per ora non so cosa prevede il progetto ma non sono illuminate. Analizzando così la “ponale” l’unico problema che potrebbe esserci è la discesa perché un tracciato così ben battuto ed ampio invita i bikers a scendere agilmente. Queste sono le mie riflessioni dopo questa prima apertura.

Verso una delle gallerie della “ponale”

Lungo il percorso

 

 

Last modified: Marzo 14, 2019