Ciclabile della Val Rendena

La ciclabile della Val Rendena unisce la cittadina di Tione di Trento con Pinzolo in Trentino. L’itinerario si svolge su pista ciclabile asfaltata e condivisa con i pedoni. Presenta tratti in salita comunque è adatta anche a famiglie.

Percorso

Parto da Tione di Trento la più importante delle valli Giudicarie. Il punto di partenza è facile da raggiungere si trova sulla strada che da Trento o da Rovereto conduce a Madonna di Campiglio.

Parto da Tione di Trento, esattamente dal campo sportivo in località Sesena. Qui trovo un parcheggio gratis. Mi preparo, tolgo la bici dalla macchina e come sempre accendo il mio GPS Garmin, l’etrex 30 per registrare la traccia della Ciclabile della Val Rendena.

Esco dal parcheggio e trovo subito le indicazioni per la ciclabile. Per un tratto costeggio la strada SP34. Il fondo è asfaltato ben mantenuto difatti lungo il tragitto è facile incontrare i manutentori che tengono cura alle ciclabili. Attraverso il fiume Sarca con un bellissimo ponte e mi ritrovo a pedalare tra prati verdi con le mucche…..spettacolo.

Attraverso la SP34 per poi riprendere il percorso protetto. Pedalo rilassato e tranquillo ammirando il panorama circostante che conosco molto bene visto che ormai ho perso il conto delle volte che l’ho percorsa.

A Darè

Mi fermo alla solita fontana vicino al campeggio di Darè, dove prendo acqua e come sempre ammiro la fontana fatta di granito, roccia della zona.

Il fiume Sarca è il mio compagno di questa bella pedalata ed è anche il fiume che scorre vicino a casa e lungo il suo corso sono state realizzate delle ciclabili come la ciclabile del Limarò e la ciclabile del Sarca che da Torbole sul Garda porta a Sarche.

La ciclabile è pianeggiante con il fiume Sarca alla mia destra mentre a sinistra verdi prati, alcune zone con parco giochi fino a Vigo Rendena dove trovo un “bici grill” e mi fermo per bere un caffè.

Assorto nei miei pensieri pedalo direzione Pinzolo. A Pelugo al parco delle “Masere” attraverso il fiume Sarca con un ponte e quindi ora pedalo sull’altra sponda del fiume.

Dopo un tratto pianeggiante la strada sale, cambio rapporto e proseguo. A destra il bosco con alcuni prati a sinistra il fiume, sembra un quadro ma è la realtà. Salita breve quindi discesa tratto pianeggiante e poi l’ultima salita, fattibile. Alla fine della ciclabile sono alla frazione di Ches dove giro a sinistra. M’immetto sulla strada che scende dal passo Daone, strada percorsa dal giro d’Italia nel 2015 nella tappa da Marostica a Madonna di Campiglio. Tappa vinta dallo spagnolo Mikel Landa. Giro vinto dallo spagnolo Alberto Contador.

Spiazzo Rendena

La strada scende e pedalo tra case dove in qualche modo trovo del granito e del legno, simbolo di questa valle. Arrivo a Fisto dove seguo sempre i cartelli ciclabili e pedalo su strada aperta al traffico veicolare, poco per fortuna. A Spiazzo Rendena mi fermo in piazza davanti alla chiesa per prendere acqua. Mi fermo sempre quì, quì ci sono le mie radici, da piccolo ho abitato in questo paesino per 5 anni. Sono quasi a metà della ciclabile della Val Rendena.

Riprendo a costeggiare il fiume Sarca, passo la zona sportiva dove con stupore trovo una pump track, che bello. Riattraverso il fiume e proseguo. Sono immerso tra campi e trovo un tratto in salita. Cambio rapporto e con calma salgo. Alla fine della salita dopo un tratto mangia e bevi arrivo a Strembo. Dopo un tratto su strada promiscua riprendo la ciclabile e sono in un bellissimo parco pubblico con tanti giochi per i bambini. Una bellissima zona relax con campi da gioco, un bar e una fontana ricavata da un tronco di legno.

Caderzone

Magicamente mi ritrovo a costeggiare il campo da golf di Caderzone che si trova a lato del fiume Sarca sulle due sponde. Attraverso la strada con un sottopasso e sono a Caderzone, dove in centro si trovano le Terme di Caderzone.

Attraverso una zona con degli alberi quindi mi ritrovo a pedalare sul tomo del Sarca. Tratto pianeggiante e sono immerso nei verdi prati. Prati utilizzati per fare del buonissimo fieno che viene utilizzato come alimento principale per le mucche. Il panorama è unico….indescrivibile.

Pinzolo

Vedo le prime case di Pinzolo meta della pedalata di oggi. Arrivo ad un punto dove attraverso il fiume nuovamente e sono alla pineta di Pinzolo, un bellissimo parco giochi all’aperto. Parco dove si trovano svariate attrazioni per i bambini…A questo punto la ciclabile si sdoppia:

  • a destra seguendo i cartelli si arriva in centro a Pinzolo.
  • andando a sinistra si costeggia il Sarca e si arriva a Carisolo e la ciclabile finisce quì.

Solitamente quando sono a Pinzolo proseguo fino a Carisolo e poi vado alle cascate del Nardis perchè sono spettacolari.

Mappa e traccia GPS:

Last modified: Gennaio 22, 2020